Il  prolungamento dell’inabilità temporanea assoluta al lavoro, può essere richiesto dal lavoratore quando, alla fine del periodo di inabilità di temporanea assoluta al lavoro ritenuto dall’Inail concluso ( per guarigione clinica), il lavoratore di fatto, in conseguenza delle lesioni riportate risulta dal punto di vista sanitario non ancora è in grado di riprendere la propria attività lavorativa. La temporanea, in tale caso, va a sommarsi  ai giorni di inabilità precedenti senza alcuna interruzione.  

In tale caso viene corrisposto dall'Inail il successivo periodo di indennità di temporanea assoluta al lavoro, soggetto, come il precedente periodo,  a tassazione Irpef

Il riconoscimento prolungamento dell'indennità temporanea, può essere richiesta sia dai soggetti infortunati sul lavoro, sia dai soggetti affetti da malattia professionale, che si trovino nello stato di inabilità temporanea assoluta al lavoro.

Per avere diritto al prolungamento della temporanea il lavoratore deve farsi redigere al medico curante il certificato Inail telematico con la richiesta della riammissione in temporanea specificandone i motivi e  indicando  i giorni prognosi richiesti (i giorni indicati debbono essere continuativi rispetto al predente periodo di inabilità) 

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. informazioni sulla nostra privacy policy