La liquidazione dei ratei maturati e non riscossi è il diritto dell’erede di un pensionato a riscuotere i ratei di pensione maturati e non ancora riscossi dal defunto, anche nel caso in cui non abbia diritto alla pensione di reversibilità. 

Nei ratei è compresa anche la quota della tredicesima maturata.

La liquidazione dei ratei maturati e non riscossi per morte spetta:

  • al coniuge superstite;
  • in mancanza del coniuge, ai figli viventi al momento della morte del pensionato;
  • in mancanza di coniuge e figli, agli altri eredi legittimi o testamentari.

Attenzione!

La richiesta da parte degli eredi dei ratei maturati e non riscossi prevede la volontà, implicita, di accettare l’eredità del dante causa, con tutte le implicazioni che ne potrebbero derivare.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. informazioni sulla nostra privacy policy