in partnership con

Bonus 600 euro Covid-19 – Decreto Cura Italia - collaboratori coordinati e continuativi iscritti alla Gestione Separata INPS (art.27 del D. L. n. 18/2020)

scopri i requisiti

Che cos’è il Bonus 600 euro per collaboratori coordinati e continuativi?

Si tratta di indennità previste per il mese di marzo 2020 dell’importo pari ad € 600, non soggette ad imposizione fiscale.

A chi spetta?

Possono accedere all'indennità di 600 euro prevista dall'art. 27 del Decreto "Cura Italia":

  • i collaboratori coordinati e continuativi con rapporto attivo alla predetta data del 23 febbraio 2020 e iscritti alla Gestione separata dell’INPS.

Per beneficiare del Bonus di 600 euro bisogna quindi essere iscritti alla Gestione separata INPS.

Vuoi presentare la tua domanda?

L’indennità concorre alla formazione del reddito?

L’indennità di cui al presente articolo non concorre alla formazione del reddito ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917″.

Indennità Covid-19: soggetti esclusi

Relativamente all'indennità prevista dall'art. 27 del Decreto "Cura Italia" sono esclusi dal Bonus di 600 euro:

  • a norma dell'articolo 31 del Decreto Cura Italia sono esclusi dalle indennità i percettori di reddito di cittadinanza.
  • i titolari di un trattamento pensionistico diretto o titolari di altre forme di previdenza obbligatoria;
  • i liberi professionisti con partita IVA aperta dopo il 23 febbraio 2020 e i contratti di collaborazione coordinata e continuativa attivati dopo il 23 febbraio 2020;
  • tutti i liberi professionisti con iscrizione in altra cassa professionale che non sia la Gestione Separata Inps;
  • sono esclusi tutti i professionisti "iscritti ad altre forme di previdenza obbligatoria" pertanto chi è anche lavoratore dipendente.

Bonus 600 euro: casi di incumulabilità

Il Bonus di 600 euro per gli autonomi e i co.co.co non è cumulabile con le altre indennità previste dal Decreto. Infatti l'indennità di 600 euro per professionisti autonomi e lavoratori co.co.co prevista dall'art. 27 non è l'unica indennità prevista dal Decreto Legge "Cura Italia".
Sono infatti previste anche:

  • Indennità lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’Ago (Assicurazione generale obbligatoria) (art.28);
  • Indennità lavoratori stagionali dei settori del turismo e degli stabilimenti termali (art. 29);
  • Indennità lavoratori agricoli (art. 30);
  • Indennità lavoratori dello spettacolo (art. 38).

Quindi, il soggetto percettore può beneficiare di una sola indennità.

I requisiti

1.

liberi professionisti con partita IVA attiva alla data del 23 febbraio 2020 compresi i partecipanti agli studi associati o società semplici con attività di lavoro autonomo di cui all’articolo 53, comma 1, del T.U.I.R., iscritti alla Gestione separata dell’INPS.

2.

non essere percettori di reddito di cittadinanza o essere "iscritti ad altre forme di previdenza obbligatoria" (per.es. chi è anche lavoratore dipendente).

3.

non essere I titolari di un trattamento pensionistico diretto o titolari di altre forme di previdenza obbligatoria.

4.

non essere in possesso di partita IVA aperta dopo il 23 febbraio 2020

Documenti da allegare

Per presentare la domanda è necessario allegare i seguenti documenti:

Documento d’identità

Documento di identità in corso di validità.

Vuoi presentare la tua domanda?

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. informazioni sulla nostra privacy policy