in partnership con

Indennità 2.400 euro lavoratori autonomi occasionali, lavoratori autonomi con Contratto d'opera ex Art. 2222 c.c

Che cos’è l’indennità di 2.400 euro prevista dal Decreto “Sostegni”?

Si tratta di un importo, erogato una tantum, previsto per specifiche categorie di lavoratori.

A chi spetta?

Ai lavoratori autonomi, privi di partita IVA, che non risultino iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie.

  • Tali lavoratori devono essere titolari di un contratto autonomo occasionale, ex art. 2222 c.c., nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 23 marzo 2021. È richiesto, inoltre, che tali lavoratori non abbiano un contratto in essere, di tale tipologia, alla data del 24 marzo 2021. Per tali contratti, è richiesta l’iscrizione presso la Gestione separata alla data del 23 marzo 2021, con accredito nello stesso arco temporale di almeno un contributo mensile
  • Tali lavoratori, non devono essere titolari di pensione diretta e di rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato (con esclusione del lavoro intermittente) alla data di presentazione della domanda. Inoltre, è richiesto che tali lavoratori non siano iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie.

Cosa spetta?

Una indennità pari a 2.400 euro.

L’indennità concorre alla formazione del reddito?

L’indennità non concorre alla formazione del reddito.

Casi di incumulabilità

  • Le indennità previste dal Decreto “Sostegni” sono tra loro incompatibili e sono incompatibili con il ReM (Reddito di Emergenza).

Documenti da allegare

Per presentare la domanda è necessario allegare i seguenti documenti:

Documento d’identità

Documento di identità in corso di validità.

Mandato di patrocinio

che troverai nella domanda da stampare e firmare.

Scheda raccolta dati

che troverai nella domanda da stampare e firmare.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. informazioni sulla nostra privacy policy